Dicono di noi

Rolf

Chi vuol imparare l’italiano in un ambiente familiare, in piccole gruppi, in un paesino molto particolare, tranquillo, fuori dello stress delle grandi città, ci si trova benissimo. Si può incontrare facilmente della gente interessante di quasi ogni angolo del mondo. Così la lingua italiana aiuta anche a fare insieme la conversazione. Tutto viene sopportato dagli insegnanti professionali e molto gentili. Inoltre il soggiorno è molto piacevole grazie alla cucina italiana ed il panorama fantastica delle Marche.

Rolf Kuchenbecker D-Haan

Gabriella

Care colleghe, cari colleghi.

Torno alla mia realtà di italo – neozelandese dopo questa settimana a Mondavio arricchita di due tesori: un prezioso cofanetto di  materiali didattici studiati ad arte, ma ancor di più con un senso di riconciliazione nei confronti dell’Italia che non provavo da tempo, anzi che non ho mai provato. Perché quando mi rapporto all’Italia sono in conflitto: sono fiera del nostro passato ed il nostro talento, del nostro buon cuore e delle nostre doti tra cui creatività, genialità, umorismo, intelligenza, solarità ma profondamente disillusa da come le doti che ci caratterizzano vengano a livello nazionale profondamente disprezzate, se va bene/quando va bene, ignorate.

L’Italia, la mia Italia, quest’Italia che rispetto e nella quale mi identifico, non ha voce. Ebbene, mi consideravo un’esiliata. Non mi riconosco nell’Italia consumista, razzista, egoista, superficiale, ignorante, secessionista, gretta ed ignorante del Nord. Non mi riconosco nel fatalismo e nella passività di un Sud tormentato, torturato dalle mafie. Né sono un eroe: vigliaccamente mi porto dietro la mia disillusione di donna che si vergogna della condizione delle donne italiane, super donne a cui viene chiesto tutto e ben poco viene riconosciuto, soggette a mobbing se desiderano carriera e famiglia, costrette a fingere di non avere il talento e la ricchezza che posseggono.

A Mondavio, nelle Marche in genere, ho provato una strana e nuova sensazione di benessere e riconciliazione. Mi riconosco in questa regione che apprezza e si cura  dei suoi tesori artistici, che investe nell’energia solare e nel fotovoltaico, che modernizza senza stravolgere e disprezzare il passato, nella sua gente che non ha manie di protagonismo, nelle sue donne di grande talento e sorellanza, nell’accoglienza genuina estesa non solo ai corsisti, ma ai vecchi e ai piccini che li accompagnano. Mi riconosco nella semplice solarità di carattere delle sue persone con le quali ho ballato a piedi nudi sulla spiaggia  e nella loro professionalità aperta e rispettosa degli altri.

Apprezzo il suo artigianato, il suo attaccamento alla terra, alla tradizione, al paese. Ammiro il suo ottimismo, la sua dedizione al lavoro e l’apertura mentale che la caratterizza.

Questa Italia è l’Italia nella quale mi riconosco, l’Italia che mi fa venir voglia di restare. Mi piacciono le Marche, mi piacciono  i suoi giovani, le sue donne, la sua gente, che va scoperta e non ostenta il fatto di rappresentare il meglio dell’Italia. Anzi forse non lo sa nemmeno.

Gabriella Brussino – Auckland, Nuova Zelanda

A Letizia, Annamara e Ale

Ylenia e Anna

Le ultime vacanze estive sono state particolari. Dopo aver ottenuto la borsa di studio tramite l’IIC siamo partite per Mondavio. Arrivate a destinazione abbiamo scoperto che si tratta di un piccolo comune con molti Ylenia-e-Anna posticini interessanti. È vero che il primo giorno siamo state un po’ deluse perché ci aspettavamo più studenti, ma abbiamo subito capito che nonostante ciò avremmo trascorso due settimane straordinarie. Le due professoresse, Alessandra ed Enrica, sono state magnifiche. Hanno organizzato benissimo le lezioni nonostante le nostre diverse conoscenze della lingua. Grazie a loro abbiamo finalmente capito alcuni aspetti della grammatica italiana che nessuno ha saputo spiegarceli prima. Non possiamo però farne a meno di ringraziare anche le due direttrici della scuola, Anna Mara e Letizia, con cui abbiamo visitato Urbino, le Grotte di Frasassi e San Marino. Durante il nostro soggiorno ci siamo sentite veramente come se fossimo a casa nostra così che alla fine di questa vacanza siamo state molto dispiaciute a dover lasciare la scuola. È stata veramente un’esperienza unica e indimenticabile.

Un grande abbraccio a tutti dalla Slovenia. Ylenia e Anna

Gea

My previous experience is that usually group courses are quite massive with many attendants of different levels put together. Individual attention is therefore limited and progress slow. The language school in Mondavio is totally different! The groups are very small which guaranties a maximum of personal attention. The difference was clear, I learned more in less time. Another point is the professionalism of the teachers. Grammar and idiom was explained very well. Although the common language during the entire course was of course Italian, when certain technical grammar details became difficult to explain in Italian, our teacher could easily switch to English or German. Quite a relief! All in all a language school that I would like to fulheartedly recommend.

Gea Gottmer (Holland)

Carmen

All’Italia e al piccolo universo di Mondavio

Fatti bella Italia mia

che stasera si festeggia

che sei gentile e cordiale

bongustaia e godereccia.

Profumati di basilico

e indossa il vestitino bianco

metti il rosso sulle labbra

che tutti ti stiamo a fianco.

Porta panettone e cassata

Sangiovese e buon Marsala

invita i tuoi venti gioielli

tutti cari, tanto belli.

In bocca al lupo, mia cara

che già svolazza la bandiera

c’è tutta Mondavio pronta

perfino Gino ti aspetta.

Fatti bella Italia mia

che oggi si canta il tuo amor

che oltre a muovere le stelle

a me ha rapito il cuor.

Con tanto affetto, Carmen Solsona – Spagna

Peter

I reckon the best place is the Dante Alighieri school in Mondavio. You need to be careful though as I first studied Italian in Florence and learnt nothing – huge classes and in a city where everyone spoke English. In Mondavio virtually no one speaks English so you are forced to speak italian and the school is fantastic. It will definitely remain forever with you as an experience of a lifetime.

Peter (U.S.A.)

Hiroko

Il mio soggiorno qui è stato il migliore possibile. I professori, insieme ai tanti cittadini di Mondavio che ho conosciuto,  mi hanno dato la possibilità d’imparare la lingua in modo naturale e graduale, senza che io mi sentissi intimidita per la paura di parlare. La possibilità di parlare con tutti in città è qualcosa di molto valido che non sarebbe possibile fuori di qua.

Hiroko (Tokyo)

Claudia

È duro tornare in Colombia. La mia permanenza ad Mondavio è stata molto piacevole, e tutte le esperienze sono state molto interessanti e positive. La scuola mi è piaciuta molto, la gente della mia classe molto simpatica, anche la professoressa. Abbiamo imparato molto italiano con lei. La famiglia è stata fantastica: sono stati molto simpatici e ospitali. Grazie a tutti.

Claudia (Colombia)

Michele

Ho trovato che a Mondavio puoi vivere la vita italiana autentica. La città è piccola, però la gente è molto simpatica. Le classi d’italiano sono magnifiche – i miei professori sono bravissimi! L’atmosfera a Mondavio è molto buona per imparare e per conoscere l’ambiente della cultura e  della storia d’Italia.

Michele (Colombia)